In principio era l’arte – Miscellanea II

Alle fonti dell'Europa

di Tomáš Špidlík

Che cosa significa la famosa frase di Dostoevskij “la bellezza salverà il mondo”, e perché all’inizio la teologia era legata all’arte? In un mondo in cui l’arte e la bellezza stanno tornando di moda, anche a livello teologico, senza talvolta coglierne il nesso organico con il tutto della vita e quindi scadendo in una sorta di estetismo, una serie di articoli sulla bellezza, l’arte, la creatività artistica, le icone che introducono in una visione del mondo dove la realtà visibile, le immagini e i concetti diventano trasparenti ad una realtà superiore.

(1 recensione)

18,00 14,50

Copertina del libro
In principio era l’arte – Miscellanea II

18,00 14,50

ISBN: 9788889667064 (8889667060) Collana: Categorie: , , ,

Il mistero del mondo non si conosce violandolo, ma sbirciando dentro, per quanto ci permette, attraverso i simboli. Così si riesce a vedere tutto in una infrastruttura coesiva di fili che legano e connettono insieme ogni parte della creazione, e questo infonde nuovo significato alle cose, dal momento che fa vedere come ogni cosa è capace di assumere un significato più profondo. Per questo gli uomini di oggi hanno nostalgia della bellezza. Ma c’è bellezza e bellezza. C’è la cosmetica, e c’è la bellezza, che è organicità redenta, contemplazione dell’unità che abbraccia la terra, l’uomo e Dio, che fa del mondo un oceano di simboli e delle sue espressioni un’anticipo della trasfigurazione che il dito della mano di Dio opererà alla fine dei tempi. Un’arte che si mette al servizio di questa bellezza è anzitutto arte di vivere, cioè capacità di trasformare la nostra vita, da fragile e corruttibile, in una vita incorruttibile. L’arte diventa un rivestire i nostri corpi e la nostra realtà creaturale con l’anticipazione di quella vita che è vera proprio perché rimane e non tradisce. Diventa chiaro allora perché in principio la teologia era vicina all’arte. “Le cose visibili sono approfondite attraverso quelle invisibili”, dice Massimo il Confessore nella sua Mistagogia. Il mistero si rivela, pur restando sempre al di là e apparendo come nelle fenditure delle cose, in questo trasparire degli esseri e delle cose. Allora il mondo non è più esteriore, né qualcosa di muto. Tutto è un indicatore verso Dio e il suo piano di salvezza, tutto va visto in una visione spirituale, in tutto c’è una parola di Dio indirizzata all’uomo che l’uomo deve comprendere e a cui deve rispondere con parole sue.

Indice:
Introduzione * Abbreviazioni * Parte I: I.1. La bellezza salverà il mondo * I.2. La creatività artistica nell’origine dell’icona secondo S. Frank e P. Florenskij * I.3. Teologia e poesia * I.4. Estetica * Parte II: II.1. L’icona, manifestazione del mondo spirituale * II.2. L’aspetto liturgico sacrale dell’immagine nell’Oriente Cristiano * II.3. L’icona * II.4. Alcune considerazioni sulla teologia dell’icona * II.5. La bellezza, via al volto trasfigurato * Parte III: III.1. Il volto di Cristo sulle icone russe * III.2. L’icona del Cristo trasfigurato * III.3. Teologia dell’iconografia mariana * III.4. L’ecclesiologia di un’icona russa * III.5. Gesù Cristo “Uomo dei dolori” nell’arte iconografica orientale e occidentale * III.6. Motivi apocalittici in Andrej Tarkovskij * III.7. Lo sfondo religioso del cinema di Tarkovskij.

Traduzioni:
In serbo

Bellezza, Creazione artistica, Florenskij, Frank, Icona, Poesia, Tarkovskij

Peso 0.3550 kg
Anno

I Edizione

settembre 2006

Pagine

264

1 recensione per In principio era l’arte – Miscellanea II

  1. Giovanni

    Interessante come la Miscellanea I

Aggiungi una recensione

Ti consigliamo…